Login |  Registrati |  Search |  Blog |  Newsletter  |  DONAZIONE |  PRIVACY

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE COSA FARE?
Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena
Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena


TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO O ASSOLUTAMENTE RISANATO. 
Le arnie (di legno) contaminate, se in cattivo stato di conservazione, devono essere bruciate.
Tutti i telaini del nido della famiglia ammalata sono irrecuperabili e devono esser assolutamente distrutti col fuoco, indipendentemente che abbiano accolto covata o miele o polline.
Tutti i telaini del nido devono esser inceneriti e possibilmente anche quelli del melario della famiglia ammalata. 
Tutto il materiale bruciato e ridotto in cenere deve esser ricoperto di terra per almeno 50 cm, per evitare che spore accidentalmente residue possano entrare in contatto con le api.
Tutto il materiale infetto deve essere incenerito. 
Ricoprire la buca con altrettanta terra.

Il terreno circostante l’arnia ammalata deve esser sottoposto a bruciatura e sovesciato. Se l’arnia è in buono stato di conservazione si può tentare il suo recupero come di seguito indicato:
- RISANAMENTO DELLE ARNIE di legno • RASCHIARE accuratamente le parti di legno e quelle metalliche, asportando cera e propoli
- DISINFETTARE con disinfettanti sporicidi: SODA (carbonato di sodio) in acqua bollente al 6% (60g di cristalli di soda in 1litro di acqua bollente; 6kg in 100litri di acqua) SODA CAUSTICA (idrossido di sodio) in acqua bollente dal 3 al 5% (30-50g di idrossido di sodio in 1 litro di acqua bollente; 3-5kg in 100 litri di acqua) immergendo o materiali per 5-20 minuti e risciacquando successivamente tutto. L’OPERATORE SI DEVE ACCURATAMENTE PROTEGGERE.
RISANAMENTO DI ARNIE E MATERIALI ACIDO PERACETICO Esistono diversi prodotti commerciali a base di Acido Peracetico, sporicida. ESODROX C: 20 g per litro di acqua del rubinetto. Agitare per 2-3 minuti finché buona parte della polvere si è disciolta. Attendere il tempo di attivazione indicato (30 minuti) . VITA – OXyGEN: 20 g per litro di acqua tiepida (35°C) del rubinetto, mescolando per 2 minuti la soluzione. Attendere il tempo di attivazione indicato (5 minuti). Lasciare a contatto i materiali da disinfettare con la soluzione ottenuta (30 minuti o più).
Per la disinfezione delle arnie, dei legni dei telai o altro materiale, predisporre adeguato contenitore e riempirlo di soluzione . Lasciare il materiale in ammollo . In alternativa irrorare col disinfettante e spazzolare. Per la disinfezione di favi di famiglie sane - immergere i favi nella soluzione disinfettante, lasciando che gli alveoli si riempiano. Lasciarli a contatto col disinfettante, quindi scolarli sbattendoli per svuotare gli alveoli. Curare bene l’asciugatura dei favi per evitare la formazione di muffe. Non necessita risciacquo (i prodotti di degradazione risultano acqua e ossigeno).
Il diluito non è pericoloso per l’ operatore. La soluzione risulta efficace al massimo delle sue potenzialità per un tempo di 24 ore. Successivamente l’azione di sterilizzazione diminuisce. Ammesso in apicoltura biologica
Successivamente • BRUCIARE ancora con il bruciatore a gas (fiamma azzurra). • RASCHIARE per riportare a legno METODI ALTERNATIVI DI RISANAMENTO
IMMERSIONE IN IPOCLORITO DI SODIO al 3% per 20 minuti. Il materiale deve però essere ben raschiato prima, altrimenti le spore non vengono raggiunte dal disinfettante. L’aggiunta di sapone ha lo scopo di eliminare la cera entro la quale potrebbero esser inglobate delle spore.

METODI ALTERNATIVI DI RISANAMENTO CON RAGGI GAMMA Garantiscono sterilità al 100% di arnie e favi. Possono esser utilizzati anche per sterilizzare anche il miele. Il miele sottoposto alla radiazione non può più esser destinato alla alimentazione umana. Tale metodo è costoso e praticamente non realizzabile per la mancanza di centri ufficialmente autorizzati dalla usl verso i quali inviare il materiale infetto nel rispetto delle norme. La movimentazione di materiale infetto può compiersi soltanto sotto vincolo sanitario e con mezzi autorizzati.
RISANAMENTO delle ATTREZZATURE • TUTA ,GUANTI, STIVALI: lavare sempre con acqua bollente e sapone che non hanno effetto sulle spore ma rimuovono cera e propoli che potrebbero contenerne.
Disinfettare poi con ipoclorito di sodio al 3%.
- LEVA: passare alla fiamma
- AFFUMICATORE etc.: raschiare il mantice ed il fornello asportando cera e propoli e disinfettare con ipoclorito di sodio pretto con un panno monouso. In seguito, per evitare ricadute in questa patologia, ogni apicoltore deve attuare buone pratiche di conduzione nel proprio allevamento.
PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA Ogni apicoltore deve: • CONOSCERE I SINTOMI DELLA MALATTIA • ISPEZIONARE SISTEMATICAMENTE TUTTI I TELAINI CON COVATA ALMENO IN PRIMAVERA E IN AUTUNNO •INTERPELLARE IL PROPRIO VETERINARIO AZIENDALE IN CASO DI SOSPETTO • NOTIFICARE AL SERVIZIO VETERINARIO DELLA ASL QUALUNQUE ANOMALIA DELLA COVATA, RISCONTRATA DURANTE LE VISITE PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA.

Ogni apicoltore deve:
- COLLOCARE GLI ALVEARI IN LUOGHI IDONEI E IN BUONA POSIZIONE
- ALLEVARE FAMIGLIE FORTI E VITALI •FORNIRE REGINE GIOVANI
- FORNIRE ALLA COLONIA SEMPRE CIBO A SUFFICIENZA
- NON SOMMINISTRARE MAI ALLE API MIELE DI FAMIGLIE DECEDUTE O SOSPETTO DI CONTAMINAZIONE O SCONOSCIUTO PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA.

Ogni apicoltore deve:
- EVITARE PRATICHE CHE INNESCHINO IL SACCHEGGIO
- NON LASCIARE MATERIALE APISTICO E FAVI INCUSTODITI
- ESSERE SICUR0 DI TRASFERIRE FAVI SANI TRA COLONIE
- NON MOVIMENTARE LE COLONIE IN ZONE SOTTOPOSTE A SEQUESTRO (Interpellare le USL locali prima della movimentazione) PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA.

Ogni apicoltore deve:
- NON UTILIZZARE MATERIALE APISTICO SCONOSCIUTO
- ESSERE PRUDENTE NELL’ACQUISTO DI SCIAMI, REGINE, TELAINI DI COVATA, CERA ETC.
- ESSERE PRUDENTE NELLA CATTURA DI SCIAMI SCONOSCIUTI
- MANTENERE UN BUON LIVELLO DI IGIENE NELL’ APIARIO, PER LE ATTREZZATURE E VEICOLI PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA

Ogni apicoltore deve:
- DISINFETTARE SISTEMATICAMENTE e PERIODICAMENTE TUTTE LE ATTREZZATURE (GUANTI, TUTA, AFFUMICATORE, LEVA, VEICOLI, etc. etc.)
- USARE GUANTI A PERDERE IN CASO DI SOSPETTO E POI STERILIZZARE OGNI ATTREZZATURA UTILIZZATA
- RINNOVARE SISTEMATICAMENTE I FAVI (2-4 ANNO) ED ELIMINARE LA CERA DI NIDO PREVENZIONE DELLA PESTE AMERICANA

Ogni apicoltore deve:
- MANTENERE BASSO IL LIVELLO DI INFESTAZIONE DA VARROA
- VISITARE PER ULTIME LE FAMIGLIE VISIVAMENTE PIU’ DEBOLI
- DISINFETTARE IN MANIERA SPECIFICA ARNIE, MELARI, ESCLUDI REGINA, NUTRITORI E TELAINI DI FAMIGLIE DECEDUTE
- STERILIZZARE LA CERA, ACQUISTARNE SOLTANTO DI STERILIZZATA NON FARE MAI!

Mai lasciare favi abbandonati.
NON FARE MAI! Mai tenere in disordine l’apiario.
NON FARE MAI! Mai tenere in disordine i materiali
NON FARE MAI! Mai tenere in disordine i materiali
NON FARE MAI! Mai tenere in disordine i materiali
NON FARE MAI! Non somministrare mai antibiotici o sulfamidici

La Peste Americana è una patologia incurabile coi farmaci

NON FARE MAI! L’uso di antimicrobici favorisce la formazione di spore di Paenibacillus larvae che contamineranno irrimediabilmente tutti i materiali all’insaputa dell’apicoltore e torneranno a germinare non appena l’efficacia dell’antimicrobico sarà diminuita. Gli antimicrobici non sono sporicidi, quindi non guariscono la malattia, ma la nascondono!!!

Per ogni necessità CONTATTARE USL7 DI SIENA Dipartimento di Prevenzione U.F. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare
Dr.ssa Giuliana Bondi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 338 2176230 uff. 0577 536650/812
Dr.ssa Rosanna Rossi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 368 7131553 uff. 0577 535472

FONTE
https://bit.ly/2GfSQTy

Utilizziamo cookie tecnici, di profilazione di terze parti per adeguare la pubblicità alle tue preferenze e cookie analytics.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo