Nuovi approcci per la lotta contro gli acari Demodex
(da Dott Kathryn Najafi-Tagol, MDFondatore e Direttore Medico del Eye Institute di Marin)

Demodex acari sono uno dei problemi più difficili che oftalmologi e optometristi affrontano nella cura di routine dei loro pazienti.
Demodex 1© Kalcutta / Shutterstock.com
 
Questi acari sono microscopici parassiti che vivono sulle palpebre e altre parti del viso. Una delle due specie, Demodex folliculorum, seppellisce in sé a faccia in giù vicino alle radici di ciglia. Esso utilizza un organo sette artigli (un “palpus”) per afferrare cellule. Allora diletta sulle cellule che rivestono il follicolo, risucchiando le viscere con un ago retrattile nel mezzo di una bocca rotonda.
Il materiale di scarto degli acari produce accumulo tipo detriti sulle palpebre e causa infiammazione.
Inoltre, il folliculorum D. trasporta tipicamente Staphylococcus e Bacillus Oleronius batteri.



Demodex 2                                                                                                                                                                                                          © Kalcutta / Shutterstock.com
La combinazione di acari e batteri provoca blefarite, una condizione subita da più di 20 milioni di americani, dove gli occhi diventano rossi, irritato e doloroso, e detriti croccante si accumula sugli occhi. Nel frattempo, le altre specie, Demodex brevis, si addentra nelle ghiandole di Meibomio per alimentare, spesso turare questa ghiandola cruciale. La ghiandola produce una sostanza oleosa che è necessario per mantenere lacrime di evaporare. Come risultato, il D. brevisacari sono associati con la malattia di Meibomio ghiandola, nota anche come occhio secco.

Demodex 3© Designua / Shutterstock.com

Questi parassiti sono comuni. Uno studio li ha trovati nel 25% dei 20 anni di età, il 30% dei 50 anni di età e il 100% nei pazienti di età superiore a 90 anni. I miei pazienti sono di solito inorriditi quando dico loro che ci sono piccoli parassiti, che sono parenti di zecche, ragni e scorpioni, banchettando sulle cellule intorno ai loro occhi.
Quindi, come possiamo combattere questi parassiti? Ci sono diversi approcci, che possono essere combinati per attaccare gli acari su più fronti:

L'olio dell'albero del tè
Ad alte concentrazioni, olio dell'albero del tè è un assassino potente di Demodex acari. Il problema è che le soluzioni di olio di tea 100%, o altre concentrazioni elevate, sono molto irritanti per gli occhi. Così un approccio è quello di pulire a fondo le ciglia e le sopracciglia con una soluzione diluita di olio di tea tree, dal 5% al 50%. Possiamo inizialmente anche utilizzare un collirio anestetico per ridurre l'irritazione dalla olio di tea tree. In uno studio, una pulizia quotidiana con una soluzione al 5% di olio di tea tree ha ridotto sia il numero di acari sia il prurito percepito negli occhi. Fino a poco tempo fa, l'olio dell'albero del tè era il metodo principale per mantenere gli acari sotto controllo.

Gli antibiotici e steroidi
Un unguento steroide antibiotico può aiutare a prevenire che gli acari si possano muovere (migrare). Può anche provocarne il loro soffocamento. La combinazione di antibiotici e steroidi è anche un trattamento standard per la blefarite. Lo steroide riduce l'infiammazione, che è causato dagli acari e dai batteri; trattamenti come salviette intrise di olio dell'albero del tè si sono rivelate utili ma non risolutive. Inoltre, l'antibiotico aiuta a controllare i batteri. Il problema con questo approccio è che gli steroidi possono peggiorare il glaucoma, mentre l'uso cronico di antibiotici può portare allo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici.

L'acido ipocloroso
L' Acido ipocloroso (HOCl) è un acido inorganico debole di formula HClO. E' una sostanza naturale prodotta dai globuli bianchi umani come prima difesa dagli attacchi microbici. Le sue proprietà antimicrobiche sono state riconosciute più di 100 anni fa, quando le soluzioni contenenti HOCl sono state usate per combattere le infezioni nelle ferite dei soldati feriti nella prima guerra mondiale. Solo di recente, tuttavia, [vedi anche Metodo Ruffini] è stata possibile la produzione di una versione stabile di puro HOCl. HOCl ha potenti proprietà antimicrobiche. Studi di laboratorio dimostrano che uccide efficacemente la forma crisalide dei Demodex acari, nonché l'oleronius Bacillus eStaphylococcus aureus batteri che vivono sulle palpebre e che si trovano all'interno delDemodex intestino. L'Acido ipocloroso (HOCl) neutralizza anche le tossine infiammatorie rilasciate dagli acari e dai batteri.
Inoltre, a differenza dell' olio di tea-tree, l' HOCl è completamente atossico e non irritante.

L'igiene è importante
Vi consiglio il lavaggio delle lenzuola e federe in acqua calda e asciugare con impostazione della lavatrice ad alte temperature in quanto cosi possibile uccidere gli acari che altrimenti potrebbero saltare dalla biancheria e da letto a letto. In alcuni casi, sarebbe opportuno anche acquistare nuovi cuscini. I pazienti potrebbero anche prendere in considerazione di non usare il trucco per una settimana, e scartare il loro vecchio trucco acquistandone del nuovo.
Molti medici temono che i pazienti non siano conformi con i trattamenti che consigliamo. Ma trovo che quanto descritto in questo articolo sia il meglio delle terapie possibili attualmente sullo scenario internazionale; la buona notizia è che, dopo anni di lotta contro gli acari e il trattamento di blefarite cronica, nuovi approcci stanno rendendo più probabile che si possa finalmente controllare efficacemente questa evenienza.

FONTI
- blogs.discovermagazine.com/.../#.Vso1oTZWihV
- http://www.onjoph.com/english/demodex.html
 

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home4/joeda/public_html/metodoruffini.it/modules/mod_jxtc_lightbox/mod_jxtc_lightbox.php on line 61
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Le ricerche, le nuove applicazioni, le testimonianze, gli approfondimenti. Iscriviti adesso!

Contattaci

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Politica sui cookies

Per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito web, metodoruffini.it inserisce alcuni cookie sul tuo computer.

Ma che cosa sono i cookies e perché si usano?
I cookies sono piccoli file di testo salvati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile. Non occupano molto spazio, e, una volta scaduti, saranno rimossi automaticamente.
Il sito del Metodo Ruffini usa i cookie per fare sì che la tua visita al nostro sito web sia il più possibile piacevole. Ci sono diversi tipi di cookie, usati in diversi modi. Alcuni hanno la funzione di consentirle di sfogliare il sito web e di vedere determinati oggetti. Altri servono a darci un'idea delle tue esperienze nel corso della tua visita, per esempio le difficoltà che incontra nel trovare quello che cerchi; in tal modo possiamo migliorare e rendere il più possibile piacevoli le tue visite future.
I cookies più importanti sono i cookie necessari. Ti sono indispensabili per navigare sul sito web e utilizzarne le caratteristiche fondamentali. Per migliorarci raccogliamo dati sulla navigazione. Poi ci sono gli interaction cookies si usano per consentirle di interagire con media sociali oppure di inviare recensioni.
Ma se i cookies non piacciono?
Puoi modificare le impostazioni del tuo browser in modo che i cookies siano cancellati o non vengano salvati nel tuo computer o dispositivo mobile senza il tuo consenso esplicito. La sezione Aiuto del tuo browser ti deve fornire informazioni sul modo di gestire le tue impostazioni relative ai cookie. Qui può vedere come si fa con il tuo browser:
Internet Explorer: http://support.microsoft.com/gp/cookies/en
Mozilla Firefox: http://support.mozilla.com/en-US/kb/Cookies
Google Chrome: http://www.google.com/support/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647
Safari: http://support.apple.com/kb/PH5042
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/

Paolo Ruffini C.F. RFFPLA73C12L682L