Immigrati e rischio di scabbia per le forze dell’ordine - 27 maggio 2016 
di Piero Nuciari - www.pieronuciari.it



Premessa
Ho volutamente pubblicato la foto di bambini africani arrivati con i barconi perché i loro occhi sono come quelli dei miei figli. Guardateli bene: i nostri figli hanno lo stesso sguardo! Loro hanno diritto di essere felici, di avere un futuro migliore lontano dalle guerre, proprio come i miei (i nostri) ragazzi.
L’articolo che segue non vuol essere razzista, visto che io non lo sono.
Se gli europei e gli americani non avessero sfruttato negli ultimi 100-150 anni le loro terre, le loro risorse, se non avessero venduto loro armi favorendo le rivalità religiose o tribali, ma avessero esportato solo fabbriche, lavoro, questa gente non si sarebbe mai sognata di lasciare la propria terra.
Quello che stiamo subendo ora è il frutto di quello che i governi europei e gli USA hanno seminato nel corso dei secoli e, soprattutto, nell’ultimo decennio… Purtroppo allora e anche oggi (considerata l’incapacità politica dell’attuale Governo italiano e degli omologhi europei) è comunque colpa nostra!
La legge del Karma, per chi come me segue queste materie, dice che noi subiamo, nel bene e nel male, le conseguenze delle nostre azioni.
Spiace solo che chi pagherà di più in assoluto, vista la posizione geografica, saranno gli italiani!

———-
Dopo la battaglia di Lepanto del 1571, dove le forze navali cristiane sconfissero le flotte musulmane impedendo l’invasione dell’Europa, stiamo assistendo negli ultimi decenni ad una lenta nuova invasione da parte di etnie africane, che lentamente, ma inesorabilmente, si stanno radicando nel nostro territorio.
E’ solo di ieri la notizia  dello sbarco in sicilia di 4000 migranti in sole 36 ore!
L’Europa, naturalmente, sta a guardare, complice il nostro Governo, buono solo a raccontare balle ai cittadini, attraverso i media asserviti al potere.
Il nostro Stato assente fa finta di nulla, mentre nelle città crescono i problemi per le amministrazioni e, soprattutto, per le Forze dell’Ordine, costrette a turni massacranti per garantire un minimo di sicurezza ai cittadini, complice un fiscal compact che impedisce nuove assunzioni.
Oltre alla sicurezza fisica dei cittadini è in gioco (ma di questo, naturalmente, nessuno parla!) anche la salute collettiva, considerate le malattie debellate da decenni in Europa, che i migranti stanno reintroducendo in Italia.
Nel settembre 2014 fecero molto scalpore i casi di scabbia tra i poliziotti di Padova e si parlò addirittura di sciopero delle Forze dell’Ordine perché il personale veniva mandato allo sbaraglio, senza neanche i guanti di protezione o le istruzioni relative alle precauzioni di base da adottare al fine di evitare contagi.
Ogni giorno che passa il problema sanitario, nonostante che nessuno ne parli, sta diventando sempre più grande!
Si pensi alle migranti che per avere denaro facile, hanno capito che nonostante la crisi dell’economia italiana, esiste un mestiere, il più antico del mondo, che consente di guadagnare soldi a palate e che non ha mai crisi!
I loro “clienti” decisamente non mi fanno pena; mi preoccupano invece i colleghi di tutte le Forze dell’Ordine che per lavoro devono trattare e, spesso, avere contatto fisico – loro malgrado – con i “nuovi arrivati”.
Il pericolo principale, al di là della TBC ed altre malattie infettive di una certa importanza, è la scabbia.
Portare addosso guanti in lattice usa e getta è, ad avviso di chi scrive, di grande importanza visto che si vive alla giornata e non si sa mai cosa può accadere e con chi si avrà a che fare durante ogni turno di servizio.

La scabbia è una malattia contagiosa causata da un parassita della pelle, il Sarcoptes scabiei, un acaro invisibile a occhio nudo. Le femmine scavano “cunicoli” sotto lo strato superficiale della cute umana (epidermide) e vi depongono le uova. Queste si schiudono dopo 3-4 giorni, dando origine a larve, che scavano ulteriori  cunicoli ove raggiungono lo stato adulto. Normalmente è possibile rinvenire da 10 a 15 cunicoli in un individuo malato.
Si  trasmette tramite contatti  (alcuni sostengono prolungati, ma, vista la vicenda dei poliziotti di Padova avrei qualche dubbio!)  con  una  persona  infestata  o con lenzuola e indumenti contaminati.
In genere dopo 2-6 settimane dal contagio si manifesta il sintomo più tipico: un prurito  intenso, specialmente notturno. Sulla cute compaiono lesioni di vario tipo: piccole chiazze rosse in rilievo (papule), vescicole, lesioni lineari sottili e lunghe fino a 5 o 10 mm, arrossate e rilevate, corrispondenti ai cunicoli  scavati dall’acaro. Le zone più frequentemente colpite sono le mani e i piedi (regioni palmo-plantari, spazi interdigitali), i polsi, i gomiti, le ascelle, le regioni al di sotto delle mammelle, l’addome (zona periombelicale), i genitali maschili e i glutei.
Il fastidio è tanto insopportabile che il paziente, grattandosi eccessivamente, finisce per  ferirsi  la  pelle  con  comparsa  di  croste  (lesioni  da  grattamento),  che  possono ulteriormente essere infettate da altri batteri (stafilococco o streptococco).

La buona notizia
Naturalmente nessuna Forza di Polizia potrà fare nulla per impedire gli sbarchi dei migranti, né che le nostre città vengano invase da poveri cristi che fuggono dalle guerre e/o da furbi benestanti africani (quelli, per capirci,  che rifiutano il nostro cibo, dicono che i nostri alberghi con piscina fanno schifo, vogliono il wi-fi, vestiti  e scarpe firmate, smartphone, etc.) che inevitabilmente creeranno problemi di sicurezza e, soprattutto, di salute pubblica.
In attesa che gli italiani decidano per una nuova classe politica più capace dell’attuale, la parola d’ordine per le Forze di Polizia è, sicuramente, “limitare i danni”.
E come fare?
Per i contagi cutanei quello che sto per scrivere potrebbe sembrare l’uovo di Colombo ma è una realtà.

Anche se il Ministero della Salute si è guardato bene dal renderlo noto (e che ci sia stato dolo esistono le prove!!!) da qualche anno è presente in Italia un rimedio che costa letteralmente pochi euro, in grado di guarire in soli 45 secondi la scabbia (sì, avete letto bene!)  e altre 100 patologie della pelle, compreso il Papilloma virus; questo rimedio si chiama “ipoclorito di sodio”.

E’ una scoperta dell’ematologo Dott. Gilberto Ruffini, una persona da premio nobel, che ha brevettato il frutto di anni di ricerche per impedirne lo sfruttamento economico da parte delle multinazionali farmaceutiche ma consentendolo al privato cittadino che potrà ora curare in pochissimo tempo oltre il 90% delle malattie della pelle con una spesa irrisoria di circa 8/9 euro.

Chi segue il mio blog sa che non scrivo mai nulla senza esserne certo o senza essermi documentato.

Io stesso ho usato l’ipoclorito di sodio al 14% per curare una psoriasi da stress che da anni portavo sotto i gomiti, con solo tre applicazioni di un minuto ciascuna, suddivise in 5 giorni. La psoriasi è scomparsa da 9 mesi!

Il Dottor Ruffini ha scritto un libro intitolato “Curarsi con la candeggina? Guida pratica al metodo Ruffini, per trattare oltre 100 malattie con meno di un euro” che  ho avuto modo di leggere e di prestare ad un amico medico il quale mi ha detto, dopo pochi mesi, di aver risolto parecchi problemi cutanei di diversi suoi pazienti.
Nel manuale sono riportate le patologie e i tempi di applicazione del prodotto; in genere l’applicazione è di 45 secondi e subito dopo occorre lavare con acqua di rubinetto.
Per tantissime patologia è sufficiente una sola applicazione per risolvere il problema!
Quindi se qualche collega dovesse avere il dubbio di essere stato contagiato da scabbia o altre patologie della pelle durante gli interventi di servizio, una semplice applicazione di ipoclorito di sodio secondo il metodo del Dott. Ruffini è in grado di risolvere definitivamente il problema.

Pocanzi ho scritto di malafede da parte del Ministero della salute riguardo a questa scoperta e, naturalmente, pubblico le prove.

Da tempo il Dottor Ruffini sta cercando di interessare il Ministro competente e gli alti vertici  della Sanità perché la sua scoperta, che cederebbe gratis, potrebbe far risparmiare allo Stato italiano  letteralmente milioni di euro ogni anno.
Pensate: anziché tagliare servizi e posti letto negli ospedali, come il bravo Renzi sta facendo e continuerà a fare, si potrebbero eliminare le costosissime terapie dermatologiche, visto che il 90% di queste possono essere sostituite con il semplice ipoclorito di sodio, e i malati guarirebbero in maniera definitiva!

Naturalmente nessuno ha risposto agli appelli di questo Dottore, molto probabilmente perché (sarebbe più corretto scrivere: “sicuramente perché”!) dietro alla sanità italiana girano talmente tanti interessi economici, tanti finanziamenti ai partiti, che tutti i politici si guardano bene dall’intervenire!
Considerata l’importanza di questa scoperta, vi chiedo la cortesia di far girare questo articoloper dare a tutti, colleghi e non,  l’opportunità di potersi curare con successo praticamente quasi gratis!

Di seguito troverete l’appello scritto dal Dott. Gilberto Ruffini che vi invito a leggere e a pubblicare dove volete.

Piero Nuciari
www.pieronuciari.it

CERCO CHI MI POSSA AIUTARE SCRIVENDO LUI STESSO O DICENDOMI COME FARE A RICEVERE UNA RISPOSTA SU QUESTO SCRITTO CHE RIPORTO INTEGRALMENTE GRAZIE :
Varese – Roma 20 – Marzo – 2016
Sono dr. Gilberto Ruffini Medico Ematologo di Varese, titolare dell’ omologo “Metodo Ruffini” di interesse dermatologico. E’ da Settembre 2015 che attendo una risposta …. va bene essere certamente deriso e con sufficienza dare la tara ma almeno una risposta … sono un Ematologo con decenni di esperienza non un ciarlatano. 2300 sono le testimonianze anche fotografiche firmate in mio possesso su 14 000 membri in fb. Inoltre, il Ministero della Salute nella persona del Ministro Lorenzin ed il suo staff, oggi, per dimostrare attenzione ed educatamente neanche rispondere, cosa ha da proporre di meglio e GRATUITAMENTE ai cittadini sofferenti su queste patologie ? 
Acne vulgaris  
Actinomyces  
Aphthae  
Burns  
Burulì ulcer  
Candida
Cutaneous larva migrans  
Dandruff or Pityriasis Capitis  
Diabetic foot infected  
Donovanosis  
Intertrigo  
Fistula for infection
Folliculitis decalvans  
Herpes Simplex  
Herpes Varicella Zoster  
HPV  
Mite folliculorum  
Molluscum Contagiosum  
MRSA cutaneus  
Onychomycosis  
Paronychia  
Parasites  
Pimples  
Jellyfish  
Scabies  
Seborrheic dermatitis  
Tinea all  
Tinea versicolor  
Trichosporon cutaneous  
washing dental prosthesis  
Wound  
Acne vulgaris  
Actinomyces  
Aphthae  
Burns  
Burulì ulcer  
Candida
Cutaneous larva migrans  
Dandruff or Pityriasis Capitis  
Diabetic foot  
Donovanosis  
Intertrigo  
Fistula for infection
Folliculitis decalvans  
Herpes Simplex  
Herpes Varicella Zoster  
HPV  
Mite folliculorum  
Molluscum Contagiosum  
MRSA cutaneus  
Onychomycosis  
Paronychia  
Parasites  
Pimples  
Jellyfish  
Scabies  
Seborrheic dermatitis  
Tinea all  
Tinea versicolor  
Trichosporon cutaneous  
washing dental prosthesis  
Wound 

Quante sofferenze e soldi risparmiati dai cittadini e dallo Stato ! Sono veramente amareggiato nel pensare a quante vite potrebbero essere risparmiate. C’ è da pentirsi ad essere un medico italiano, medici soventemente trattati se qualcuno apre bocca da incolti visionari, ciarlatani e, se non introdotti nei giochi di certe regole non scritte, additati pure come furbi truffatori. Viceversa a queste facili illazioni, questa figura di medico indegna, studia cercando di far vivere meglio chi soffre, venendo ripagato come non degno di neanche una risposta. E’ imbarazzante vedere che dopo anni e innumerevoli lettere e avvisi qua e là per le Istituzioni sanitarie italiane come al Ministero della salute ai tempi del prof. U. Veronesi e Sirchia o al direttore dell’ ISS prof. Benagiano e ancora prof. Cassone, oltre che sommarie risposte di circostanza, non ci sia stato un serio contradditorio come all’ estero succede ma solo risibili sufficienze. Questo comportamento condannabile, ha vietato per lunghissimi anni a tutti i cittadini italiani di venire a conoscenza di questa fantastica opportunità a costo 0 … Ho persino scritto al Governo di allora ma, nessuna risposta e dunque tanti dubbi mi sorgono circa una solidale conduzione di chi è messo lì apposta dallo Stato a proteggere al meglio la nostra salute e … il portafoglio di entrambi …. bisognosi e Stato. Di cosa sto parlando ? Di una molecola semplicissima : Ipoclorito di Sodio di formula NaOCl notoriamente dal costo irrisorio, quanta e quante sofferenze unite a tanti soldi risparmiati ! Nel mentre che legge questa “ridicola” novità perditempo molto nociva ai produttori di farmaci, migliaia di serissimi Ricercatori in tutto il mondo stanno studiando l’ Ipoclorito di Sodio per accrescere il benessere dei propri cittadini e di forte risparmio economico del proprio Paese. Noi no, nel frattempo immagino solo risatine e silenzi, continuando imperterriti a farci bagnare il naso, mentre migliaia di testimonianze fotografiche e/o semplicemente scritte, continuamente si sommano e che qui non riporto solo per evidenti ragioni di spazio ma sempre disponibili, così l’ abbondante bibliografia mondiale già dall’ anno scorso inviata. Unitamente, inoltre, se desidera, può leggere la descrizione in inglese nel testo universitario su “Microbiology” a cura di Mendez 1119 pagg. di cui 10 dedicate al metodo Ruffini (uno studio indipendente) per trovare crediti sull’ uso medico dell’ Ipoclorito e su di me. D’ altronde la medicina non si basa sulle evidenze ? Certo di una sua sensibile attenzione.
Con cordialità dr. Gilberto Ruffini INDIRIZZO : INDUNO OLONA Via Capelletta 68/A(Varese) email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

RINGRAZIO CHIUNQUE MI DARA’ UNA MANO
dr Gilberto Ruffini –  www.metodoruffini.it

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /home4/joeda/public_html/metodoruffini.it/modules/mod_jxtc_lightbox/mod_jxtc_lightbox.php on line 61
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Le ricerche, le nuove applicazioni, le testimonianze, gli approfondimenti. Iscriviti adesso!

Contattaci

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso. Per saperne di piu'

Approvo

Politica sui cookies

Per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito web, metodoruffini.it inserisce alcuni cookie sul tuo computer.

Ma che cosa sono i cookies e perché si usano?
I cookies sono piccoli file di testo salvati sul tuo computer o sul tuo dispositivo mobile. Non occupano molto spazio, e, una volta scaduti, saranno rimossi automaticamente.
Il sito del Metodo Ruffini usa i cookie per fare sì che la tua visita al nostro sito web sia il più possibile piacevole. Ci sono diversi tipi di cookie, usati in diversi modi. Alcuni hanno la funzione di consentirle di sfogliare il sito web e di vedere determinati oggetti. Altri servono a darci un'idea delle tue esperienze nel corso della tua visita, per esempio le difficoltà che incontra nel trovare quello che cerchi; in tal modo possiamo migliorare e rendere il più possibile piacevoli le tue visite future.
I cookies più importanti sono i cookie necessari. Ti sono indispensabili per navigare sul sito web e utilizzarne le caratteristiche fondamentali. Per migliorarci raccogliamo dati sulla navigazione. Poi ci sono gli interaction cookies si usano per consentirle di interagire con media sociali oppure di inviare recensioni.
Ma se i cookies non piacciono?
Puoi modificare le impostazioni del tuo browser in modo che i cookies siano cancellati o non vengano salvati nel tuo computer o dispositivo mobile senza il tuo consenso esplicito. La sezione Aiuto del tuo browser ti deve fornire informazioni sul modo di gestire le tue impostazioni relative ai cookie. Qui può vedere come si fa con il tuo browser:
Internet Explorer: http://support.microsoft.com/gp/cookies/en
Mozilla Firefox: http://support.mozilla.com/en-US/kb/Cookies
Google Chrome: http://www.google.com/support/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647
Safari: http://support.apple.com/kb/PH5042
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/
Adobe (plug-in for flash cookies): http://www.adobe.com/security/flashplayer/articles/lso/

Paolo Ruffini C.F. RFFPLA73C12L682L